×
DOMANDE&RISPOSTE PROFESSIONISTI FAI UNA DOMANDA CHI SIAMO

CI SIAMO LASCIATI: COME RICOMINCIARE?

Difficoltà relazionali (25/06/2021)

Ho quasi trent’anni ed è da poco finita la mia storia d'amore che durava da nove anni. Ho provato fino alla fine a recuperare, riuscendo a capire gli sbagli fatti da entrambi, anche grazie a un percorso di psicoterapia che sto frequentando da qualche mese e che mi ha aiutato ad ascoltarmi e ad essere consapevole di me. Purtroppo, l'altra persona non era disposta a fare un salto alla nostra relazione, al farla diventare una relazione consapevole. Probabilmente non mi amava da tempo ma non se ne era reso conto, incapace come è di ascoltarsi nei suoi sentimenti (tuttora). Se dolorosamente sto "accettando" questa grande delusione perché per tutti questi anni credevo di avere a che fare con una persona più intelligente, c'è anche da dire che sto vivendo malissimo il fatto di essere tornata single. Non lo accetto. Non ho amici perché li avevamo in comune e sono tutti fidanzati ancora. Purtroppo, non ho ancora trovato lavoro e non posso permettermi di vivere da sola. Vorrei solo non svegliarmi più.

terapeuta Claudia Macaluso

Dott. Claudia Macaluso

Risposta del 25/06/2021

Milano

SINGLE DOPO TANTO TEMPO. TUTTO CAMBIA: VITA, AMICI, LAVORO

Gentile G.,
sei giovane e hai già avuto una relazione durata parecchi anni. Immagino “lui” sia stata la tua storia più importante, tanto che tutti gli amici che hai mi pare siano quelli che avevate in comune. Ora che sei sola è come se tu dovessi ricominciare tutto da capo, anche nella sfera amicale. Posso comprendere il disorientamento e la sensazione di non riuscire ad accettare questa nuova realtà. Si tratta, infatti, di un cambiamento importante che ha a che fare con la tua identità (cioè “chi sono io”).  Infatti, praticamente da quando sei ragazza sei sempre stata “fidanzata” e ora che sei cresciuta ti trovi ad essere single, e forse non ti riconosci più, non sai più chi sei. 
Da quello che scrivi, inoltre, mi pare di capire che probabilmente vivevate insieme e dopo la separazione ti ritrovi a dover convivere con qualcun altro. Forse sei dovuta tornare a vivere dai tuoi genitori? Questa circostanza potrebbe essere vissuta come un tornare indietro.
Questa separazione sembra complessa, perché ti mette nella condizione di dover lavorare su più fronti personali e rilevanti contemporaneamente: identitario, amicale, lavorativo e abitativo

 

COME RITROVARE IL PROPRIO EQUILIBRIO DOPO LA FINE DI UNA STORIA

Innanzitutto, ti voglio dire che ritrovare il proprio equilibrio è possibile, ci vorrà un pochino di tempo, ma non perdere la fiducia e la speranza che più avanti tu possa stare meglio di ora. Mi sembra tu stia vivendo una fase di disillusione, nella quale stai maturando delle consapevolezze nuove sulla tua storia d’amore. Leggendo questo passaggio della tua richiesta: “Probabilmente, non mi amava da tempo, ma non se ne era reso conto, incapace come è di ascoltarsi …. Se dolorosamente sto "accettando" questa grande delusione perché per tutti questi anni credevo di avere a che fare con una persona più intelligente.” Magari, chissà, potresti scoprire che forse era giusto che andasse così e che potrebbe essere la cosa migliore per te. 
Nel frattempo, potresti:

  • concederti un tempo fisiologico per stare male e per elaborare la separazione. Una fase di dolore dovuto alla separazione è normale, vi siete lasciati da poco. 
  • Come ti ho scritto più sopra devi occuparti di tanti aspetti contemporaneamente: lavorativo, abitativo, identitario e amicale. È bene prendersi il tempo per ricominciare, prova ad affrontare un aspetto alla volta, diversamente ci potrebbe essere il rischio di sentirsi sopraffatti.
  • Ritrovare la tua dimensione personale, coltivare i tuoi interessi, provare a frequentare ambienti nuovi.
  • Concentrarti sulla ricerca del lavoro, un ambito dove realizzarti e ritrovare la tua autonomia e molto probabilmente conoscere persone nuove.
  • Provare a considerare questo periodo come un’occasione di crescita e di autonomia relazionale. Non solo come una mancanza ma come un’occasione per ritrovare una nuova strada. È possibile che tu ti fossi un po' appoggiata a lui?

Se ti sembra di non avere fiducia nella possibilità di farcela, se ti sembra di non trovare la forza di andare avanti, se ti sembra che la tristezza e la mancanza di vitalità perdurino troppo a lungo, è possibile che siano emerse delle fragilità, ad esempio a livello di autostima oppure a riguardo di aspetti legati alla dipendenza relazionale. Questa può essere un’occasione per affrontarle. Scrivi che stai facendo un tuo percorso psicologico, quindi direi che sei sulla strada giusta. Sono temi che ti consiglio di affrontare con la tua Psicologa.

Un caro saluto.