Possibile tradimento? | Risolvere

Domande e risposte

FINALMENTE ABBIAMO UN FIGLIO, MA HO PERSO MIO MARITO

Problemi di coppia
11/12/2021

Domanda: Salve sono una donna di … circa 50 anni e penso che mio marito mi tradisca. Tutto è iniziato da questa estate, lui ha sempre fatto le vacanze con me e il nostro bambino che ha 3 anni e mezzo, è sempre stato molto geloso di me, e non mi avrebbe mai lasciata sola come ha fatto quest’anno. Da quando è nato mio figlio gli ho dedicato tutto il tempo e l’amore possibile perché l’abbiamo desiderato tanto, ma forse mio marito si è sentito messo da parte. Lui è più giovane di me di 10 anni e forse non è maturo abbastanza per capire quanta dedizione e tempo ci vogliono per crescere un bambino. Fatto sta che è un frequentatore accanito della palestra, la frequenta tutti i giorni, prima ad orari quando gli andava, adesso è diventato come un lavoro, va allo stesso orario ed esce sempre allo stesso. Così mi sono accorta che c’era qualcosa che non andava, mi sono iscritta e ho visto una ragazza più giovane di lui forse di 5/6 anni che fa gli esercizi sempre vicino a lui. Non ho prove, come mi devo comportare?

terapeuta Laura Viceconte
risponde
Dott. Laura Viceconte
Psicologia dell’adulto. Psicotraumatologia e valutazioni peritali

L’arrivo di un figlio in una coppia, per quanto desiderato, porta sempre la rottura di un equilibrio e la necessità di creare un nuovo assetto. A volte il passaggio avviene in maniera armonica, altre volte causa una vera e propria crisi.
Tu evidenzi una certa differenza di età tra te e tuo marito: credi che possa incidere sulla vostra situazione? Ad ogni modo, l’arrivo di un figlio può causare stravolgimenti importanti in una coppia, indipendentemente dall’età dei genitori.

small-person
Puoi fissare un appuntamento di persona con uno dei nostri terapeuti. Ti aiuterà a dare forma al tuo problema ed individuare le giuste vie di uscita.
Incontra un terapeuta

NASCITA DI UN FIGLIO E CRISI DI COPPIA

L’arrivo di un figlio in una coppia, per quanto desiderato, porta sempre la rottura di un equilibrio e la necessità di creare un nuovo assetto. A volte il passaggio avviene in maniera armonica, altre volte causa una vera e propria crisi.
Tu evidenzi una certa differenza di età tra te e tuo marito: credi che possa incidere sulla vostra situazione? Ad ogni modo, l’arrivo di un figlio può causare stravolgimenti importanti in una coppia, indipendentemente dall’età dei genitori.

 

CAMBIAMENTI NELLA COPPIA

Sarebbe interessante capire se oltre a questa assidua frequentazione della palestra, hai notato qualcosa nei comportamenti che ha con te; racconti che in vacanza ti ha lasciato sola. A casa come è il vostro rapporto? Riuscite a ritagliarvi degli spazi di coppia? Tra di voi ci sono litigi e discussioni? Avere qualche informazione in più su come interagite potrebbe aiutare a comprendere meglio la situazione.
Tu stessa metti in una possibile relazione la nascita del bambino e la vostra distanza. Effettivamente per quanto sia fondamentale dedicare spazio ed energie alla crescita dei figli, è anche importante parallelamente continuare a dedicare energie alla cura della coppia come genitori e come partner. Altrimenti il rischio è di allontanarsi sempre più e ad esempio di ritrovarsi molto soli nella gestione del proprio bambino, che è importante abbia entrambe le figure di riferimento genitoriali accanto. Ci scrivi, inoltre, che è solo da alcuni mesi che vedi che qualcosa non va. È possibile che in questi anni tu non ti sia accorta di alcuni cambiamenti perché troppo presa dalla gestione del bambino?

 

SOSPETTI UN TRADIMENTO: COSA FARE?

È comprensibile che i comportamenti e i cambiamenti nelle abitudini di tuo marito abbiano insinuato in te il dubbio di un tradimento; sicuramente rinforzato dall’aver visto questa donna in palestra che si allena frequentemente vicino a lui.
Per capire cosa stia accadendo nel vostro rapporto, mi sembra sarebbe utile provare a riattivare il dialogo tra voi e vedere cosa succede. Mi sembra che tu abbia perso la speranza che tuo marito possa essere collaborativo, disponibile nei tuoi confronti e credo che questo non ti invoglierà a parlargli e a prendere l’iniziativa in tal senso. Ma se non riuscite a dirvi che “c’è qualcosa che non va”, difficilmente troverete il modo di uscire da questa situazione. Attenzione però a non cadere nella trappola delle “accuse”, che spesso attivano immediatamente un atteggiamento difensivo a priori, nel quale sarà difficile parlarsi sinceramente. Prova a confrontarti e parlare con lui. Dall’esporgli i tuoi dubbi e le tue paure può anche nascere un dialogo costruttivo che vi consenta di riavvicinarvi e di aprirvi l’un l’altro per ridare importanza al vostro progetto di vita comune e di famiglia.

Vuoi fare una domanda?

Preferisci chiedere in modo anonimo l’opinione dei nostri terapeuti?

Ti basterà indicare uno pseudonimo e selezionare l’opzione utile ad oscurare la tua email.

Fai la tua domanda
fish
Se sei in una situazione di estrema difficoltà o sei in pericolo di vita non utilizzare questo sito, ma contatta tempestivamente uno di questi numeri:
118 Emergenza Sanitaria
112 Carabinieri
113 Polizia di Stato